Il film di Flash compromesso da Ezra Miller?

Nonostante i piani della Warner sul fronte DC Comics non siano mai stati brillanti, una nuova tegola sembra abbattersi sul futuro di questo fragile e confuso universo cinematografico.

Dopo l’abbandono, quasi certo di Henry Cavill nella parte di Superman, i miseri incassi di Birds of Prey (spin-off dedicato ad Harley Quinn), anche il film di Flash sembra essere terribilmente in bilico.

In questi giorni infatti a rincarare la dose, dopo l’abbandono dei registi candidati al progetto, John Francis Daley e Jonathan Goldstein, ci pensa Ezra Miller (interprete del famoso supereroe scarlatto) a dare la stoccata finale, e probabilmente decisiva, ad un film destinato sempre più alla cancellazione definitiva.

Il poco simpatico Ezra ha dato vita ad uno spiacevole siparietto che lo ha visto protagonista di un video, oramai virale in tutto il mondo, in cui (non se ne sono capiti i motivi) aggredisce una fan mettendole le mani al collo.

Video fake? Non ne abbiamo le certezze, certo è che i dirigenti Warner hanno esposto il loro disappunto rimanendo sconcertati dall’accaduto e rispondendo sui social a quanto avvenuto sul web con un secco no comment. Ricordiamo che secondo il codice etico di alcune case di produzione (vedi Disney) alcuni atteggiamenti da parte di casting e troupe fuorvianti e di cattivo esempio spesso vengono ripagati con il licenziamento in tronco e la recessione del contratto.

Cosa capiterà al nostro “sfortunato” Miller? Non solo rischia di abbandonare l’universo DC prima ancora di esserne il protagonista, ma anche di compromettere la sua intera carriera (con un probabile allontanamento dal terzo capito della saga Animali Fantastici). Diamo un’occhiata al video e facciamo un breve punto della situazione sui prossimi piani inerenti ai personaggi supereroistici di casa Warner.

Universo Cinematografico DC oggi

Dopo la conclusione della trilogia di Nolan (2008-2011), la bibbia dei cinecomic, e lo speranzoso Man of Steel (2013) le aspettative di rinascita erano assai parecchie. Aspettative che nel corso degli anni sono state miseramente tradite da dei continui fischi (o quasi) a partire dal caotico e incoerente Batman v Superman, con il debutto di Ben Affleck nei panni dell’uomo pipistrello, fino ad arrivare all’inguardabile film dedicato alla Justice League, con una breve eccezione per il lungometraggio dedicato a Wonder Woman, che tutto sommato non era male.

Ma poi non finisce qui, arriva la Suicide Squad, che prometteva bene ma finisce con il fare un altro tonfo nell’acqua (anche se l’Harley Quinn di Margaret Robbie sembrava essere un buon personaggio), trama inconsistente e cast allo sbaraglio, Will Smith inguardabile e Jared Leto sprecato. A seguire Aquaman e Shazam, non bruttissimi ma sproporzionati di effetti speciali e carenti di consistenza narrativa.

Arriva il Joker di Toad Philipps con un Jaquin Phoenix in piena forma, arriva il Leone d’Oro al Festival di Venezia, Golden Globe e Oscar, che per un cinecomic sono traguardi importanti e rari. Ma tolto questo breve episodio dedicato al clown killer di Gotham City, totalmente slegato da quel briciolo di continuity presente fino ad allora, sembra non esserci un grande piano per il futuro, a parte il seguito di Wonder Woman intitolato 1984 che ci darà la possibilità di rivedere la bellissima Gal Gadot all’opera. Ad oggi di concreto sappiamo che sono in corso (temporaneamente sospese per coronavirus) le riprese di The Batman, ennesimo reboot del cavaliere oscuro, con Robert Pattinson come protagonista, e la produzione di Suicide Squad 2, diretto da James Gunn (Guardiani della Galassia vol. 1 e 2), si vociferano Shazam 2, Acquaman 2 e Green Lantern, ma che ne sarà di Flash?

Supergirl — “Crisis on Infinite Earths: Hour One” —
(L-R): Grant Gustin as The Flash, Melissa Benoist as Kara/Supergirl, Tyler Hoechlin as Clark Kent/Superman, Ruby Rose as Kate Kane/Batwoman and Brandon Routh as Ray Palmer/Atom —

Serie tv acclamate

Capovolgimento di fronte invece sul versante serie TV, dove la DC sembra essere più solida e agguerrita con un universo ben ampio e popolato da personaggi incredibili rispetto alla Marvel (per ora), da Green Arrow a Supergirl, da Flash a Black Lighthing, e ancora Lucifer, Swamp Thing, Constantine e Legends of Tomorrow. Per coronare il tutto, di recente, festeggiando la loro permanenza nei più alti vertici di gradimento tra gli spettatori, è stato realizzato un mega crossover con le serie attuali e quelle passate (Smallville, Gotham, Lois & Clark e tante altre) includendo omaggi ai film classici come i Batman di Tim Burton e i Superman con Cristopher Reeves , in un unico grande progetto: Crisi delle terre infinite, tratto dall’anonimo best seller della DC Comics.

Un occhio di riguardo per un classico senza tempo dedicato all’eroe scarlatto, la serie tv anni ’90 di Flash con un John Wesley Slipp protagonista assoluto, oggi interprete del padre di Barry Allen nella serie attuale del velocista DC, un breve manciata di episodi che raccontano le origini e le avventure del celebre supereroe con quel tocco di noir e vintage tipico di quelle atmosfere burtoniane che tanto amiamo.

Infine ricordiamo semplicemente che Flash è stato creato da Gardner Fox e dal disegnatore Harry Lampert nel 1940 e narra le gesta di Barry Allen, poliziotto della scientifica che dopo un’incidente entra in contatto con alcune sostanze chimiche ed acquisisce poteri fantastici. Dalla velocità supersonica (di gran lunga superiore a quella della luce), guarigione accelerata, super riflessi, aura che lo protegge dall’attrito con l’aria, totale padronanza delle proprie molecole e lanciare dei fulmini.

Allo stato attuale, se volete saperne di più sul nostro simpatico eroe trovate le sue avventure in fumetteria e libreria, mentre per il film (tolta la partecipazione in Justice League) ci toccherà aspettare ancora un po’, sperando che Ezra non strangoli nessun altro nel frattempo.